I nostri servizi

L’Istituto, previa autorizzazione dell’AIF, svolge attività di natura finanziaria a favore dei propri clienti e, in particolare, offre i seguenti servizi: raccolta di depositi, gestioni patrimoniali, custodia titoli e valori, trasferimenti internazionali di denaro attraverso banche corrispondenti e pagamenti di emolumenti e pensioni in favore dei dipendenti della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano.

L’Istituto tutela il patrimonio dei propri clienti, investendo prevalentemente in strumenti caratterizzati da rischi estremamente contenuti (ad esempio, titoli di Stato, titoli obbligazionari emessi prevalentemente da istituzioni ed enti governativi o organismi internazionali, nonché depositi nel mercato interbancario).

L’attività creditizia è svolta in via residuale e strettamente subordinata ai vincoli del regolamento interno così come definiti dal Consiglio di Sovrintendenza.

 

Lo IOR non emette titoli, né partecipa a sindacati di collocamento.

 

I rapporti accesi presso lo IOR dai clienti autorizzati rispettano i requisiti previsti dalla normativa in materia di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo vigente nello Stato della Città del Vaticano.

 

I clienti possono usufruire dei servizi dell’Istituto soltanto presso la sua unica sede all’interno dello Stato della Città del Vaticano.

 

 

 

I nostri clienti

La clientela servita dall’Istituto comprende:

a)     controparti istituzionali (istituzioni sovrane della Santa Sede e Stato della Città del Vaticano, gli enti collegati ad esse, nunziature e delegazioni apostoliche, ambasciate e diplomatici accreditati presso la Santa Sede);

b)     controparti non istituzionali (Istituti di Vita Consacrata e Società di Vita Apostolica, Diocesi e altri enti con personalità giuridica canonica o civile vaticana fra le persone giuridiche; chierici e membri degli Istituti di Vita Consacrata e delle Società di Vita Apostolica, dipendenti e pensionati vaticani fra le persone fisiche).

Gran parte dei nostri clienti partecipa attivamente nella missione della Chiesa Cattolica o presta opera di carità presso istituzioni come scuole, ospedali o campi profughi.

La Chiesa Cattolica, attraverso le sue istituzioni dedite ad attività missionarie ed opere di carità, è presente in tutto il mondo, anche in paesi dotati di infrastrutture inadeguate e che utilizzano sistemi bancari e di pagamento arretrati.

In questi casi, i servizi forniti dallo IOR risultano particolarmente preziosi. Agli occhi della clientela presente in tali aree, lo IOR rappresenta un punto fermo, confermandosi come istituzione di fiducia in grado di fornire in loco servizi altrimenti carenti o assenti. Ciò è ancora più evidente in quelle aree geografiche caratterizzate da elevata instabilità politico-finanziaria.

Al 31 dicembre 2017, il totale dei clienti dello IOR pari a 14.945 (2016: 14.960) risultava così suddiviso in quanto a consistenze patrimoniali detenute presso lo stesso: ordini religiosi (52%), dicasteri della curia romana, uffici della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano e nunziature apostoliche (11%), conferenze episcopali, diocesi e parrocchie  (9%);  enti di diritto canonico (8%), cardinali, vescovi e clero (8%), dipendenti e pensionati vaticani (8%); altri soggetti, comprese le fondazioni di diritto canonico (4%).

La caratteristica comune di tutti i clienti dell’Istituto è il far parte della Chiesa Cattolica o l’essere al servizio della stessa (si veda la definizione di clientela riportata nella Sezione 1).

Lo IOR fornisce ai propri clienti servizi di deposito dei fondi oltre che di gestione patrimoniale e custodia titoli.  Al 31 dicembre 2017, il valore netto delle attività detenute nei portafogli gestiti era pari a 3,0 miliardi di Euro (2016: 3,1 miliardi di Euro), il valore netto in portafogli in custodia e amministrazione era pari a 474,6 milioni di Euro (2016: 554,8 milioni di Euro) e il valore netto dei fondi in deposito pari a 1,8 miliardi di Euro (2016: 2,0 miliardi di Euro), per un totale complessivo di valori di terzi pari a 5,3 miliardi di Euro (2016: 5,7 miliardi di Euro).

 

 

 

 

Informazioni per i nostri clienti